DETTI E PROVERBI
( Neapolitan  proverbs )

Mo ca e' muorto 'o ciuccio,nun simmo cchiu' cumpare

Adesso che non abbiamo piu' affari in comune,non siamo piu' soci

 

Quanno esceno 'e statue argiente,e' fernuta 'a prucessione.

Le persone piu' importanti arrivano sempre per ultime

 

Mantenere 'o carro p''a scesa

Il motto porta subito alla mente la fatica che si doveva fare per mantenere un carro su di una discesa, per evitare che questo scivolasse via. E' questa una immagine che chiarisce, un modo figurato ma efficace, il concetto di diplomazia.

 

'A neve 'int' a' sacca

Molto tempo prima che il ghiaccio e i metodi di conservazione venissero prodotti artificialmente, i generi alimentari venivano conservati nella neve che veniva trasportata dalle montagne vicine (Molise, Irpinia e Monte Faito). Il trasporto da queste zone avveniva tramite carretti portati in tutta fretta. Si fa quindi riferimento a questi episodi per definire una persona che ha molta fretta e sembra che abbia 'a neve 'int''a sacca.

 

Si 'o carro nun z'ogne, nun cammina

La bustarella, il pizzo, la tangente sono solo moderni vocaboli per indicare cio' che ci e' sempre stato: la corruzione. Infatti basta ungere per ottenere a volte servizi che sarebbe nostro diritto avere.

 

'E recchie 'e pulicano

Avere "recchie 'e pulicano" tutti sanno che vuol dire avere un ottimo udito, una capacita' di "sentere" anche il minimo bisbiglio. Il riferimento e' all'udito del pellicano perche' questo volatile riesce a sentire il pigolio dei suoi piccoli nel nido anche a grandissima distanza.

 

A 'cca 'a pezza e 'a cca' 'o sapone

Modo simbolico ma molto efficace per indicare che non si fa credito. Il riferimento e' da ricercare nel baratto che facevano i rigattieri. In cambio di pezze e stracci davano sapone (per questo motivo erano anche detti "sapunari").

 

Ji' truvanne a Cristo dint' 'e lupine

Così viene indicata l'eccessiva pignoleria. La frase fa riferimento alla leggenda secondo cui la Madonna, per ricompensare il pino che l'aveva aiutata a nascondere il figlio, facesse si che l'interno dei pinoli avessero la forma della mano di Cristo. Il privilegio non fu concesso alla pianta di lupini perche' aveva negato il suo aiuto.

 

'O Cippo a Furcella

Con "S'arricorda 'o Cippo a Furcella" si indica un avvenimento avvenuto in epoca talmente remota il cui ricordo e' vago ed incerto. Il Cippo era il monumento posto vicino Forcella che fu usato per esporre le teste tagliate durante i famosi 10 giorni di Masaniello nel 1647.

 

Figlio 'e 'ntrocchia

Furbizia, scaltrezza e "sape' fa'" sono qualita' tipiche del figlio 'e 'ntocchia.  Quindi questo personaggio e' capace di fare qualsiasi furbizia senza farne accorgere al malcapitato, anzi gliela fa int'a ll'uocchie.

 

Pe' vintinov'e trenta

Si indica così una situazione risolta positivamente all'ultimo momento grazie alla scelta giusta fatta su due o piu' possibilita' di cui solo una e' la migliore.

 

O purpo s'adda cocere cu' l'acqua soja.

Una persona per rendersi conto che ha sbagliato deve meditare.

 

Menarse a mare cu' tutt''e panne .

Buttarsi a mare vestito = Ridursi alla miseria

 

Cu' tanta galle a canta', nun fa' maje juorno.

Quando comandano in troppi,non si approda a niente

 

Dicette 'o pappice 'faccia a' noce:damme tiempe ca te spertoso

Se si riflette sulle cose si ottiene sempre un risultato non basta essere forti

 

O’ cane mozzeca semp’ o stracciato

Il cane morde sempre lo straccione, (della serie "guai su guai").

 

Miette 'e denare 'ncanna a 'o ciuccio e 'o chiammano DON ciuccio

Vuole dire che il rispetto a volte lo si ottiene con i soldi.

 

Chi fraveca e sfraveca nun perde maje tiempo

Significa che chi si dà da fare,  qualsiasi cosa, non perde mai tempo.