SERRENATA

N.N.

Oi bella affaccete a la finestra
sienti chi canta 'nanzi a'ssa porta.
Io songo quillo ca te vole spos
nun fa la scuntrosa famme tras.

Dimme de s, si bella si, si geniosa, me fai mur.

E s venuto da Napuli apposta
pe te purtane st suoni a te.
E si sapissi quanto me costa
'sta serenata ca porto a te.

Dimme de s, si bella si, pari 'na rosa, me fai mur.

E io lo tengo n bello cardillo
e quante cose l'agghia 'mbar;
e te lo manno p quisto e p quillo
l'ambasciatella t'adda port.

Me dici si, me dici no, pe te fa capace, tiempo ce v.

E te la mitti 'na vesta di seta
tutta guarnita di rose e fiori
e nun s'assomma lo suio valore
quanto chi bella tu vuoi par.

Dimme di s, si bella, apri la porta, famme tras.

E c na mani apri laporta
c l'ata mani t'abbrazzi a me
e me reali n bello vasillo
io te lo do a pizzichillo.

Me dici di s, si bella si,miez'a 'ssu pietto famm'addurm

E quante stelle c stanno 'ncielo
io le conto a una a una;
e si lo cielo me d fortuna
a questa nenna m'aggia 'nzur.

Me dici di s, si bella si, pigghieme 'mbrazza, fammi 'addurm.