AMMORE GUAGLIONE
E. A. Mario - Ricciardi



'Ammore mio, guaglione, ghiuto scola
tant'anne arreto senza f maje niente:
Screveva 'ncopp''e banche una parola
e una parola se teneva a mente:
Screveva "Amalia" e, comme niente fosse,
pazziava cu 'e nnennlle a zompafuosse...

E i' nun sapevo scrivere
nun ghivo p''o ssuttile:
senza sap' 'a grammatica
screvevo dint'abbrile:
"Mio dorge amore,
ti oh conzervato
un pizzo nel mio quore!"

'Ammore mio guaglione, pazzianno,
pigliaje sbbeto ll'uso a f filone:
Quaranta juorne 'e scola tutto ll'anno!...
E si vvote leggevo 'a lezione,
truvavo, 'mmiez' paggine, 'ntrasatto,
nu ricciulillo d'oro o nu ritratto...

Io nun 'ngarravo a leggere:
sbatteva 'o core 'mpietto...
Ma, pure senza virgole,
liggevo stu biglietto:
"Mio dorge amore,
pur'io per te,
ci oh un pizzo nel mio quore!"

Mo 'ammore tutto calamaro e penna...
ma i' mm''a ricordo a chella piccerella:
purtava 'o panarino cu 'a marenna
na cinta a tre culure e na cartella...
E i' ll'aspettavo a 'o sleto puntone
pe' d: "Guarda che sole...fa' filone!"

Zero cu ll'asteristico
pigliaje a bene e a male...
E avette 'a peggia media...
pur'essa: tale e quale.
Duje cunte pare:
Zero allo studio...
e vase a centenare!